Contributo Volontario

 

Il Consiglio di Istituto, nella seduta del 12 ottobre 2021, ha deciso di rinnovare la richiesta di versamento alla scuola di un contributo volontario per l’a.s. 2021-2022; tuttavia, in ragione della contingenza economica attuale, del residuo dell’anno precedente (che verrà interamente utilizzato per la realizzazione di quanto già programmato) e della comune consapevolezza che, per l'anno a venire, la scuola avrà ancora più necessità di supporto per poter riprendere e riallacciare i legami di comunità anche attraverso progetti ed esperienze che necessitano ovviamente di sostegno economico, si è deliberato di richiedere di versare la cifra di 20 euro ad alunno (con l’aggiunta di ulteriori 10 euro per ogni fratello), comprensivo di quota assicurativa.

   
Il contributo non è una tassa imposta dalla scuola bensì l’espressione di uno spirito collaborativo che crede nella partecipazione e nella condivisione di un progetto comune. La scuola è un bene prezioso da sostenere e tutelare. È di tutti e per tutti, e non è solo un luogo, ma l’opportunità che la comunità si dà di concorrere al processo di crescita delle nuove generazioni e di formare cittadini responsabili.
La richiesta di partecipazione da parte delle famiglie intende anche istituzionalizzare una prassi molto diffusa, ovvero la richiesta informale ai genitori, seguendo le modalità previste dalla normativa ministeriale (L. 40/07).

Il contributo volontario sarà utilizzato con le finalità condivise in sede di Consiglio di Istituto, per:

  1. Pagamento dell’assicurazione;
  2. Progetti di ampliamento dell’offerta formativa, ad esempio, Agio e Pro-DSA;
  3. Materiali e sussidi didattici.

Una parte di quanto raccolto (1.500,00 euro) sarà assegnato al fondo di solidarietà per supportare situazioni di difficoltà.

Chi non intenda partecipare alla raccolta del contributo volontario è comunque tenuto al versamento della quota assicurativa, che corrisponde a 5,50 euro ad alunno.

Ogni genitore potrà effettuare il versamento fino al 28 febbraio 2022 tramite l’applicativo Pago in rete (https://www.istruzione.it/pagoinrete/), con le modalità descritte in questo documento. Nel corso della procedura (al passo n. 9), si potrà, se si vuole, modificare la cifra da versare, sia limitandola alla sola quota assicurativa, sia implementandola in relazione al numero di fratelli/sorelle presente nel nucleo familiare.